MOXA E COPPETTAZIONE



MOXA E COPPETTAZIONE


Una tecnica specifica che aiuta a rimuovere molte tossine e sbloccare anche situazioni complesse. Si tratta di vere e proprie coppette che si applicano sulla pelle e fa parte delle terapie esterne usate nel complesso e articolato mondo della medicina tradizionale cinese. Conosciuta anche come cupping, implica una vera e propria aspirazione sulla pelle a livello locale tramite coppette, a volte sono anche tazze di vetro, bambù e ceramica. Viene usato anche in India, Corea e Giappone e a portarlo in occidente fu il medico austriaco Bernard Aschner. L’applicazione di solito ha una durata che va dai 5 ai 20 minuti e non oltre perché crea di fatto uno stimolo molto forte: le coppette vengono applicate sulle cosiddette zone riflesse del corpo. Cosa significa? Che nel nostro corpo le aree della schiena o del piede o del viso ospitano specifici punti che si collegano energicamente a determinati organi interni; così facendo si va ad agire sull’organo interno e sull’apparto che riporta uno stato di disordine generale. Con la coppettazione si vanno a rimuovere “umori” in eccesso e si può trattare di sangue, flemma, bile gialla, bile nera, secondo l’antica tradizione orientale che tanto somiglia a quella “nostra” di Paracelso. Ci sono due modi per operare: esiste infatti la coppettazione a caldo e la coppettazione a freddo.

Moxa


La moxa, uno dei possibili rimedi che si possono utilizzare per alleviare i dolori muscolari e articolari, le contratture, le manifestazioni da freddo (quando diciamo “ho preso freddo”), difficoltà digestive o blocchi di varia natura. Cos'è la moxa? La moxa è una tecnica che utilizza la pianta di artemisia, conosciuta anche come erba di San Giovanni. Moxa è un termine che deriva dal giapponese “moe kusa” ovvero erba che brucia. E proprio di questo si tratta: l’artemisia viene compressa e utilizzata sotto diverse forme che attraverso il calore del fuoco sprigiona le sue proprietà.
I benefici della moxa sono molteplici, essa può essere utilizzata in caso di: contratture muscolari tensioni al collo o alle spalle blocco digestivo infiammazione dovuta a liquidi trattenuti Attraverso la bruciatura dei sigari di moxa o dei coni, definita moxibustione si ottengono benefici a livello superficiale e profondo. Come l’agopuntura, gli effetti della moxa sono evidenti sul sintomo che pian piano va migliorando e sulla causa interna che lo ha scatenato. La moxa viene applicata in specifici punti di agopuntura e lungo il percorso dei meridiani per ottenere un beneficio più duraturo e completo. Ovviamente viene trattata anche la parte interessata, come ad esempio la zona della schiena dolente o la zona dello stomaco in caso di blocco digestivo o difficoltà a digerire.